Home / Spiritualità / Mesi meditati / Marzo / Marzo: Mese di San Giuseppe – 15° Giorno

Marzo: Mese di San Giuseppe – 15° Giorno

stellamatutina-san-giuseppe-con gesùSi consumò nel dolore la vita mia. Ps., 30,11.

1. Il dolore di Giuseppe.
Non c’è sulla terra figlio dell’uomo che non debba pagare il suo tributo al dolore, per­ché non c’è figlio dell’uomo che non sia fi­glio del peccato. La Madonna, l’Immacolata, e Gesù, l’Agnello di Dio, gli unici che non avrebbero dovuto passare, perché senza mac­chie, per le strette della prova, furono l’uno il Crocifisso e l’altra l’Addolorata.
Giuseppe ha bevuto anch’egli, nonostante la sua limpida giustizia, il calice dell’ama­rezza. E il suo dolore è tanto più edificante e fecondo, in quanto egli lo ha preso per amore di Gesù e di Maria.

2. Giuseppe soffre per Gesù.
L’infanzia così tribolata e perseguitata del Figlio di Dio umanato non può non stringere come in una morsa il cuore così delicato del custode di Lui. Giuseppe non è di quegli uo­mini superficiali e sicuri di se stessi, i quali hanno sempre fatto e fatto bene quanto deb­bono fare. Egli che, come tutti i veri servi di Dio, si è vestito d’umiltà, teme sempre che sia per colpa sua, per la sua incapacità e pochezza, che Gesù debba soffrire. E se ne accora, come quando il Bimbo divino si smar­rì nel Tempio ed egli con Maria – «dolenti» come se il sole si fosse spento – andavano in cerca di Lui.

3. Giuseppe soffre per Maria.
L’angustia della Madre, le privazioni, i disagi, le sofferenze di lei, vengono anch’es­se a gravare sull’animo dello sposo fedele. Amare, amare con tanto ardore di purità e poter far poco o nulla per risparmiare alle persone amate l’amarezza della prova, è uno degli strazi più acerbi. Giuseppe l’ha assaporato, perché proprio Gesù e Maria era­no l’oggetto tenerissimo della sua casta affe­zione.
O Giuseppe, così innocente e così pro­vato negli affetti più santi del cuore, io accet­to, mosso dal tuo esempio, la pena che la ca­rità verso il mio prossimo può domandarmi, l’accetto non come un peso, ma come un dono, ma come una gioia. E so che ogni pena mi sarà, feconda, se io la santificherò con loro nella carità, come tu hai fatto, tenendo fissi gli occhi dell’anima su Gesù e su Maria.

LETTURA
«San Giuseppe – seguiamo sempre il cuo­re e l’ispirazione di Hello – compie in realtà ciò che gli altri compiono in figura. Dopo aver difeso il Pane di vita in Egitto e compiuto la cosa di cui il primo Giuseppe era l’ombra, torna a Nazaret e fa ciò che aveva fatto Gio­suè. Giosuè aveva fermato il sole; ma colui che era la luce del mondo aveva lasciato Ma­ria e Giuseppe per fare in Gerusalemme gl’in­teressi del Padre suo.
Tuttavia Maria e Giuseppe lo ritrovarono e lo condussero via. Il sole, che sembrava aver cominciato la sua corsa, fu fermato per di­ciotto anni. Dai dodici ai trent’anni Gesù Cri­sto restò là. Che età aveva quando Giuseppe morì? Non se ne sa nulla, ma pare che Giu­seppe fosse morto quand’egli lasciò la sua casa. Che cosa avvenne in quella casa? Quali misteri s’aprirono dinanzi agli occhi di quel­l’uomo, al quale Gesù Cristo obbediva? Che cosa vedeva Giuseppe nelle azioni di Gesù Cristo? Queste azioni, per la loro stessa sem­plicità, prendevano senza dubbio ai suoi oc­chi proporzioni incommensurabili».

FIORETTO
Nel dolore mi unirò volentieri alle soffe­renze di san Giuseppe.

GIACULATORIA
La mia vita fu piena di dolore.
Tu che il dolore fai puro e santo, t’adorni l’anima di nuovo incanto.

Guarda anche...

stellamatutina-san-giuseppe-con gesù

Marzo: Mese di San Giuseppe – 20° Giorno

La carità è da Dio. 1 Giov. 7, a. 1. Giuseppe vive di carità. La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stellamatutina.eu – Sito di cultura cattolica in piena e totale obbedienza al Magistero Petrino. è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache