Home / Attualità / Massoneria / Il piano massonico per la distruzione della Chiesa Cattolica – 2ª parte

Il piano massonico per la distruzione della Chiesa Cattolica – 2ª parte

PIANO MASSONICO DEL 1995

A – Tramite una lotta costante e metodica per far scomparire la Chiesa cattolica, noi abbiamo ottenuto dei sostanziali progressi, conformemente agli scopi prefissi:

1. Rottura dell’unica fede. Molti dubitano già dei dogmi fondamentali: presenza reale di Cristo nell’Eucaristia, divinità e resurrezione di Gesù, vergintà di Maria, esistenza dell’Inferno, degli Angeli e dei demoni, ecc.
2. Stato di scisma e di apostasia, ancora latente ma già reale.
3. Contestazione del Papa e della sua dottrina.
4. Controllo delle edizioni e delle pubblicazioni cattoliche.
5. Ingresso della Massoneria nell’insegnamento religioso, specialmente nelle Facoltà Ecclesiastiche e nei Seminari.
6. Gli infiltrati nei Seminari e nelle Congregazioni religiose hanno ottenuto posti influenti e lavorano con efficacia.
7. Vescovi, preti e catechisti, ma anche diverse Congregazioni religiose maschili e femminili lavorano con noi, forse senza saperlo, ma in modo efficace.
8. Emarginazione e disprezzo dei preti e dei religiosi fedeli alla dottrina tradizionale.
9. Abbandono della Confessione, tramite la promozione dell’assoluzione comunitaria.
10. Perdita della preghiera nelle sue forme distinte: preghiera personale, Rosario, Via Crucis, processioni, suppliche, ecc.
11. Disprezzo per la devozione verso l’Eucaristia.

B – Molto efficaci si sono rivelate le “misure” che abbiamo proposto:

1. Cambiare la struttura della Messa, attenuandone l’aspetto verticale ed accentuandone quello orizzontale.
2. Introdurre la “libertà liturgica”, togliendo paramenti, cambiando o eliminando cerimonie, volgarizzando e svuotando di senso i riti.
3. Ricevere la Comunione in piedi e nella mano, togliendo così importanza all’Ostia.
4. Eliminare la genuflessione ed ogni forma di riverenza.
5. Alterare il senso del peccato.
6. Promuovere l’immoralità, concependola come “libertà” e “progresso”: liberazione sessuale, preservativi, contraccettivi, omosessualità , promozione della pornografia in televisione e in videocassette, film, sex-shop, riviste, ma soprattutto in televisione.
7. Approvazione dell’aborto: finalmente anche la cattolica Irlanda l’ha approvato!
8. Eliminare la formazione morale e religiosa dei giovani.
9. Corrompere la gioventù, diffondere la droga, il sesso, i divertimenti immorali, le bestemmie, la violenza ecc.
10. Controllare i mezzi di comunicazione sociale, soprattutto la televisione.

C – Dobbiamo continuare a progredire nei punti delle indicazioni riportate qui sopra. Noi siamo già in grado di di occupare i vertici del potere nella Chiesa. Allorasi diffonderà apertamente, grazie all’autorità, l’ultima fase della nostra tattica.

1. Farla finita con la dimensione trascendente ed ogni forma di preghiera.
2. Distruggere e svuotare totalmente il contenuto dei dogmi.
3. Sostituire il teocentrismo con l’antropocentrismo.
4. Relativizzare la morale: non vi devono essere principi né riferimenti oggettivi, ed ancor meno imposizioni venute dall’alto. Tutto dev’essere soggettivo.
5. Liberalizzazione delle pratiche sessuali, contraccezione, omosessualità…
6. Sacerdozio alle donne.
7. Ecc. ecc.

E finalmente – è questa la nostra grande aspirazione – l’eliminazione della messa. Ovviamente non potremo eliminarla da un giorno all’altro: molti non l’accetterebbero.
Occorre sopprimere l’aspetto ”sacrificale” e la ridurre ad una dimensione di “cenafraterna”. In questo modo non vi sarà più alcun valore sacramentale, e la messa sarà trasformata in una semplice riunione, vuota d’ogni contenuto. Ecco la nostra grande aspirazione, poiché distruggendo la messa cattolica noi distruggeremo la Chiesa dall’interno, senza persecuzione sanguinaria e grazie alla capitolazione dei cattolici stessi.
Abbiamo il trionfo a portata di mano! Solo un intervento diretto e straordinario di Dio potrebbe impedirlo. Ma noi potremo presto, molto presto gridare: «Ti abbiamo vinto, Galileo!»

FONTE: Traduzione della rivista spagnola Roca viva, Febbraio 1997, José Abascal, Madrid

Guarda anche...

stellamatutina-massoneria

Quell’incompatibilità tra Chiesa e Massoneria

 Un convegno a Ognissanti su La Massoneria tra esoterismo, ritualità e simbolismo. Sono intervenuti lo …

Commenti

  1. Al cardinale *

    Mi chiamo * abito vicino a Torino,
    ho deciso di scriverLe per capire se i pastori della Chiesa sono informati del disegno di corruzione e di sovvertimento spirituale culturale ed economico, pianificato dalla massoneria internazionale che si sta portando avanti tramite gli organismi internazionali, finalizzato alla scristianizzazione dell’Europa e della società per arrivare ad un governo unico mondiale, non ispirato sicuramente da un desiderio di miglioramento spirituale e di liberazione per un numero sempre maggior di paesi nel mondo, in un piano di asservimento con leggi che aboliscono le sovranità nazionali a favore di un unico governo mondiale e che tendono ad eliminare tutto quello che può fare riferimento al rispetto per l’uomo e al richiamo al Vangelo, con un attacco alla Chiesa, alla famiglia ed alla società in nome di un falso pluralismo “rispettoso delle differenze” in nome di un …..ideale laico superiore.
    Vorrei consigliare ai Cardinali la visione di due filmati su youtube INGANNO GLOBALE e I VERI PADRONI DEL MONDO (in quest’ultimo si parla di un piano di riduzione della popolazione mondiale a 600.000.000 persone) e viene messo in evidenza come i grandi del mondo hanno pianificano il fallimento economico mondiale per controllare i destini del mondo tramite un governo di banche.
    Se non lo si mette in evidenza e non si cerca di spiegare che la situazione attuale è frutto della realizzazione di questo piano. si rischia di polarizzare l’attenzione delle persone sulle conseguenze di queste scelte.
    Rivolte nei paesi arabi, finanziate dalla massoneria e presentate all’opinione pubblica come lotte per la libertà, per orientare l’opinione pubblica in favore di un intervento militare, vedi il bombardamento della Libia, il cui scopo era l’annullamento di un paese non interessato a questo piano, e, di conseguenza, il finanziamento di gruppi politici opposti in lotta, ma funzionali al piano di disintegrazione dello stato libico ed alla creazione di tensioni con gli altri paesi arabi vicini.
    Esodi di milioni di persone e destabilizzazione di tutto il quadro del medio oriente con conseguenti arrivi di centinaia di migliaia di persone in fuga da paesi in guerra e la creazione di tensioni tra immigrazione e popolazione dei paesi di approdo, fomentando le posizioni più intransigenti non disposte ad accoglierli in nome di un falso diritto delle risorse per le popolazioni locali, a cui però non sarà dato nulla.
    Col risultato di presentare le posizioni della Chiesa di aiuto, come posizioni utopistiche scollegate dalla realtà, di una Chiesa capace di scaricare sullo stato il costo economico dell’accoglienza e instillare così nell’animo delle persone l’immagine di una chiesa arroccata nei privilegi indifferente al disagio economico della popolazione locale, responsabile di queste posizioni ed indifferente rispetto ai disagi del crollo del mercato del lavoro, in un futuro di mancanza di risorse per venire in soccorso delle nostre e altrui povertà che avrà come conseguenza lotte interne tra immigrati e nuovi poveri, oltre ad additare le posizioni della Chiesa, dalla massoneria, come corresponsabili della situazione generale.
    Come se le responsabilità fossero dovute ad errori nella pianificazione dell’economia o ad altre cause imponderabili, mentre la massoneria internazionale ha pianificato lo spezzettamento dei paesi arabi e la creazione dei successivi problemi come una tappa per arrivare ad uno stato di caos generale.
    Di fronte ad un crollo dell’economia, alla bancarotta ed alla diminuzione di aiuti sociali, frutto anche del depauperamento di ingenti risorse per il pagamento di grossi interessi sul debito pubblico alle banche, da parte di stati sempre più obbligati a pagare fondi alle grandi potenze come quella americana, (che sono in bancarotta, il cui debito è tutto in mano alla Cina, e che affrontano la crisi economica stampando dollari, senza averne la copertura, ma stilando classifiche di bontà dell’economia degli stati e decidendo il destino di milioni di persone), ci sarà una situazione di degrado difficilmente sostenibile, in cui chi punta al crollo globale avrà buon gioco a finanziare ora l’uno ora l’altro dei contendenti, fino a che di fronte al caos generale si invocherà l’intervento di organismi internazionali funzionali al cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale.
    Perchè i Pastori della Chiesa non smascherano questo piano e non guardano ai messaggi che nelle varie parti del mondo ci richiamano al grande pericolo che scelte di tipo mondialista stanno aggravando in modo drammatico i problemi.
    Don Bosco era un santo impegnato ad aiutare i suoi giovani dal punto di vista del lavoro e dal punto di vista spirituale, prima ancora del movimento sindacale, ma quando la massoneria pianificò la chiusura di molti ordini religiosi ebbe un sogno in cui si ammoniva la casa reale a non approvare quelle scelte, annunciando funerali a corte, lo inviò al re. Le sue parole rimasero inascoltate.
    Perché come credenti non dovremmo attingere ai messaggi che la Madre di Gesù ci invia implorando un cambiamento di rotta, invitando alla preghiera del Rosario ed ai sacramenti, ma che ci indicano che siamo nel periodo della grande apostasia quando Satana sta per essere incatenato e gettato nell’inferno prima della trionfo del suo cuore immacolato a cui seguirà il regno di Dio in terra (Padre Nostro che sei nei cieli sia fatta la tua volontà così in cielo come in terra) il millennio di pace.
    Perché la Chiesa non ha rivelato i messaggi di apparizioni Mariane, almeno di quelle approvate come a la Salette ed a Fatima? Se i messaggi fossero stati diffusi come richiesto, e si fosse fatto quello che la Vergine chiedeva si sarebbe contribuito ad evitare questo stato di caos generale si sarebbe potuto contribuire a diminuire le conseguenze future
    ********
    Mons. Antonio Galli, Scoperti in Vaticano i segreti de La Salette. L’apparizione, le polemiche, le profezie apocalittiche, pp. 176 – Euro 16,50 – ISBN 978-88-7198-525-1
    Mons. Antonio Galli, nato a Pievepelago (Modena) nel 1908, ordinato sacerdote nel 1932, ha esercitato il suo ministero dapprima in un Istituto per sordomuti, quindi per 58 anni tra i monti nativi, insegnando contemporaneamente nel seminario di Fiumalbo. Trascorse gli anni della Seconda guerra mondiale tra i suoi parrocchiani, nelle immediate vicinanze del fronte, redigendo un diario che ha offerto importanti notizie agli storici del conflitto. Tra le sue opere, di cui alcune tradotte all’estero e premiate in concorsi internazionali di saggistica, ricordiamo: Melania, la pastorella de La Salette (1994), Kérizinen (1997), Apologia di Melania (2001), Commento (non più vietato) al segreto de La Salette (2001).

    PRESENTAZIONE. Nella storia dell’Apparizione della Madonna a La Salette si era creato un vuoto che sembrava incolmabile: i segreti dei due pastorelli, Melania e Massimino, inviati dal vescovo di Grenoble a papa Pio IX nel 1851 e mai rivelati, erano scomparsi e sembravano irrimediabilmente perduti. Uno studioso francese, l’abbé Michel Corteville, impegnato a Roma in una ricerca per la sua tesi di laurea su La Salette, li ha provvidenzialmente scoperti nel 1999 nell’Archivio della Congregazione della dottrina per la fede. Su questo importante ritrovamento ha pubblicato in Francia uno studio in collaborazione con l’insigne mariologo René Laurentin. Ma era volontà della Vergine che questi messaggi fossero portati a conoscenza di tutti i popoli della terra e l’autore di questo volume, mons. Antonio Galli, ha ritenuto di dover obbedire diffondendo le parole, che furono da lei pronunciate tra le lacrime, anche in Italia, dove Melania trovò rifugio e conforto alla persecuzione di cui fu oggetto in patria. Oltre ad una dettagliata narrazione della scoperta, in questo libro è presente un’ampia analisi dei due messaggi, i cui vaticini apocalittici, sorprendentemente attuali, possono suscitare serie riflessioni e generosi propositi nell’animo del lettore. L’abbé Corteville così dichiara: “È la prima volta che un’Apparizione mariana fa scoprire i suoi segreti autenticati”.
    Ecco come l’abbé Michel Corteville narra, in un’intervista concessa al noto mariologo René Laurentin, in qual modo ha scoperto i segreti, considerati perduti.

    «Avendo saputo in Vaticano che i documenti che cercavo erano custoditi negli Archivi della Congregazione per la Dottrina della Fede, ormai consultabili fino a tutto il Pontificato di Leone XIII (1903), chiesi l’iter per accedervi, ma, essendo ormai in luglio, mi dissero di ritornare in settembre. Una lettera del relatore della mia tesi giustificava il motivo della mia ricerca al card. Ratzinger. Ciò e il supplementare appoggio d’un teologo romano mi aprirono le porte, ma bisognava attendere tre settimane prima di ottenere un posto disponibile nella sala delle consultazioni. Una religiosa italiana, scettica sulle profezie di Melania, mi disse con ironia: “Se troverete il famoso segreto ci vedrete più chiaro”?

    «Mi occorsero dieci giorni per passare in rassegna con qualche fatica tutti i fascicoli senza che comparisse quello de La Salette. Mancando il catalogo, provvidenzialmente mi venne in aiuto l’archivista, il quale ricordava dove giaceva l’incartamento degli anni 1879-83. Cominciai a sfogliare plichi su plichi, che non erano stati toccati da venti o trent’anni, quantunque contenessero una documentazione molto importante. Il sabato 2 ottobre 1999, festa dei santi Angeli custodi, raggiunsi il Vaticano più presto del solito, avendo incontrato poco traffico ed entrai nella basilica di S. Pietro, inginocchiandomi in preghiera davanti all’altare della Confessione. Promisi un attestato di riconoscenza se avessi trovato anche solo una traccia dei segreti. Rimessomi all’opera, per tutta la mattinata consultai plichi chiusi in fodere i cui orli erano a brandelli. Nel bel mezzo dell’ultimo involucro, proprio quando la campana suonava la fine del tempo concesso, mi trovai fra le mani una carta che recava uno scritto a caratteri azzurrognoli. La calligrafia mi parve quella di Melania. Ebbi appena il tempo di leggere la data, 6 luglio 1851, e alcune frasi. Sia la data che quelle frasi mi fanno subito pensare al segreto e soprattutto la busta in cui è chiuso il documento, il sigillo, le firme dei testimoni che hanno assistito alla compilazione del messaggio nell’episcopio di Grenoble. Un testo con altra calligrafia ed una seconda busta mi fanno ritenere d’aver trovato i preziosi autografi dei veggenti, portati a Pio IX dagli inviati di mons. de Bruillard, il vicario generale Rousselot e il santo curato della cattedrale, Gérin, ma non ho il tempo di leggerli. Uscendo, comunico la scoperta all’archivista e ai compagni di ricerche, infine telefono alla religiosa italiana, la quale non dà alcuna importanza a La Salette e mi risponde: “E per questo mi telefona?”».1

    Soddisfatto invece oltre ogni immaginazione e non a torto è l’abbé Corteville, il quale spiega così l’importanza della sua scoperta.

    «I due testi ritrovati ci offrono […] l’Apparizione nella sua integrità. Come Gesù nel Vangelo, così Maria a La Salette non ha solo annunciato cattive notizie, né parlato soltanto di peccati. La sua grande rivelazione è uguale a quella del Vangelo di Luca (2, 34), che ci presenta Cristo “Signore del tempo e della storia”, “rovina e risurrezione di molti in Israele”, tradito dagli uni, accolto dagli altri, amico dei più piccoli e nemico degli orgogliosi e dei potenti. Come altre profezie di santi e di beati, i segreti dei pastorelli, stando a due lunghi studi inediti, compiuti da Maritain e da Millon, attestano la fedeltà alla loro missione da cui emana, in un contesto di fede, una luce viva e insieme modesta.

    «Punto finale d’una lunga polemica storica, i nuovi testi, se accolti con umiltà e serietà, possono aumentare i frutti di misericordia e di conversione, offerti dalla Vergine riconciliatrice. “Là dove il peccato è abbondato, è sovrabbondata la grazia” (Rm 5, 20). Povero o ricco, nobile o plebeo, chierico o laico, francese o straniero, la Madonna esorta tutti a salire più in alto, verso il Salvatore, senza fermarsi a guardare indietro.

    «Un po’ di lirismo ci sembra permesso: è la prima volta che un’apparizione mariana fa scoprire i suoi segreti autentificati. Essi hanno commosso i loro primi importanti lettori, lasceranno indifferenti noi? La Salette vorrebbe essere meta di quel grande pellegrinaggio di fede che il santo Curato d’Ars, dopo aver vinto i dubbi che lo attanagliavano, immaginava in continuo progresso. La sua posizione e i suoi messaggi evocano i monti e le figure bibliche. Nel libro di Daniele una pietra si stacca dal monte e, rotolando, cozza contro gli antichi imperi idolatri e li frantuma (Dn 2, 45). Si tratta di un’analogia? Dal miracolo personale, compiuto dalla medaglia mariana di Parigi, La Salette non conduce al miracolo comunitario della “pietra”, “drizzata” dai fanciulli, sulla quale Maria si siede? Non richiama alla mente la “Misericordia che piange”, ma anche il Giudizio che promana dalla Croce?

    «I nuovi documenti liberano anche la pastorella de La Salette dall’accusa d’aver inventato, molti anni dopo, i peccati del clero, denunciati dalla Vergine. Come ella aveva confidato a mons. Zola, quei rimproveri erano già contenuti nel segreto del 1851. Sono forse inferiori quelli che purtroppo dobbiamo deplorare ai nostri giorni? Chi tradì Cristo con un bacio?».2

    Note

    1. René Laurentin-Michel Corteville, Découverte du secret de La Salette, Fayard, Parigi 2002, pp. 23-24.

    2. Michel Corteville, Tesi di Laurea su La Salette, p. 253.

    ********
    Testo del Segreto redatto nel 1879 da Melania Calvat

    A partire dal 1851 Melania stese diverse altre redazioni del segreto da lei ricevuto. Per la prima volta, il 15 novembre 1879 lo fece pubblicare a Lecce con l’imprimatur dell’arcivescovo Mons. Salvatore Zola, del quale è aperta la causa di beatificazione.
    http://www.melaniacalvat-difrancia.net/

    J.M.J.+

    Melania ciò che sto per dirti ora, non resterà sempre segreto; lo potrai pubblicare nel 1858. I Sacerdoti, ministri di mio Figlio, i sacerdoti con la loro cattiva vita, con la loro irriverenza ed empietà nella celebrazione dei Santi Misteri, con l’amore per i soldi, con l’amore per l’onore ed i piaceri, i sacerdoti sono diventati delle cloache d’impurità. I sacerdoti domandano vendetta, e la vendetta è sospesa sulle loro teste. Guai ai preti e alle persone consacrate a Dio, che con la loro infedeltà e la loro cattiva vita, crocifiggono di nuovo mio Figlio! I peccati delle persone consacrate a Dio, gridano verso il cielo e richiedono vendetta, ed ecco che la vendetta è alla loro porta, non vi è infatti più alcuno che implori misericordia e perdono per il popolo; non vi sono più anime generose, non vi è più nessuno degno di offrire la Vittima senza macchia all’Eterno in favore del mondo. Dio colpirà in modo senza pari. Guai agli abitanti della terra! Dio darà fondo alla sua collera e nessuno potrà sottrarsi a tanti mali messi insieme.
    I capi e i conduttori del popolo di Dio hanno trascurato la preghiera e la penitenza e il demonio ha ottenebrato la loro intelligenza, essi sono diventati delle stelle erranti che il vecchio diavolo trascinerà con la sua coda per farli perire. Dio permetterà al vecchio serpente di mettere divisioni tra i regnanti, in ogni società ed in ogni famiglia. Si soffriranno pene fisiche e morali; Dio abbandonerà gli uomini a se stessi, e manderà dei castighi che si succederanno per oltre trentacinque anni. La Società è alla vigilia dei flagelli più terribili e dei più grandi avvenimenti; ci si deve aspettare di essere governati con una verga di ferro ed a bere il calice della collera di Dio.
    Che il Vicario di mio Figlio il Sommo Pontefice Pio IX non esca da Roma dopo il 1859; ma che sia fermo e generoso e combatta con le armi della fede e dell’amore; io sarò con lui. Che non si fidi di Napoleone; il suo cuore è doppio, e allorché vorrà essere simultaneamente Papa ed Imperatore, presto Dio l’abbandonerà ; lui è quell’aquila che volendo sempre più innalzarsi, cadrà sulla spada di cui voleva servirsi per costringere i popoli ad innalzarlo. L’Italia sarà punita per l’ambizione di voler scuotere il giogo del Signore dei Signori; per cui sarà abbandonata alla guerra; il sangue scorrerà per ogni dove; le chiese saranno chiuse o profanate; i preti e i religiosi saranno scacciati, saranno fatti morire e morire di una morte crudele. Diversi abbandoneranno la fede, ed il numero dei preti e dei religiosi che si separeranno dalla vera religione sarà grande; fra queste persone vi saranno anche dei vescovi. Che il Papa si tenga in guardia dai facitori di miracoli, è venuto infatti il tempo in cui sia in aria che sulla terra vi saranno i prodigi più sbalorditivi.

    Nell’anno 1864, Lucifero con un gran numero di demoni saranno staccati dall’inferno; essi, piano piano, aboliranno la fede, anche nelle persone consacrate a Dio, li accecheranno in tal modo che, senza una speciale grazia, queste persone finiranno per prendere lo spirito di questi angeli perversi; diverse case religiose perderanno completamente la fede e perderanno molte anime. I libri cattivi abbonderanno sulla terra, e gli spiriti delle tenebre spanderanno dappertutto un rilassamento universale per quel che concerne il servizio di Dio; essi avranno un grandissimo potere sulla natura: vi saranno delle chiese per servire questi spiriti. Delle persone saranno trasportate da un luogo all’altro da questi cattivi spiriti, ed anche dei preti, perché non seguiranno lo spirito del Vangelo che è spirito d’umiltà , di carità e di zelo per la gloria di Dio. Si faranno risuscitare dei morti e dei giusti. (Cioè che questi morti assumeranno la fisionomia delle anime giuste che erano vissute sulla terra per meglio sedurre gli uomini; questi cosiddetti morti risuscitati, che poi non sono altro che il demonio in quelle sembianze, predicheranno un altro Vangelo contrario a quello del vero Gesù Cristo, negando l’esistenza del Cielo ed anche delle anime dei dannati. Tutte queste anime appariranno come unite al loro corpo). In ogni luogo vi saranno prodigi straordinari poiché, essendosi spenta la vera fede, la falsa luce rischiara il mondo.
    Guai ai Principi della Chiesa che saranno intenti ad ammassare soltanto ricchezze su ricchezze, a salvare la propria autorità e a dominare con orgoglio! Il Vicario di mio Figlio dovrà soffrire molto, poiché per un certo tempo la Chiesa sarà data a grandi persecuzioni; e questo sarà il tempo delle tenebre; la Chiesa subirà una crisi spaventosa. La santa fede di Dio essendo dimenticata, ogni individuo vorrà guidarsi da solo ed essere superiore ai suoi simili. Saranno aboliti i poteri civili ed ecclesiastici, ogni ordine ed ogni giustizia saranno calpestati; non si vedrà che omicidi, odio, gelosia, menzogna, discordia, senza amore per la patria né per la famiglia.
    Il Santo Padre soffrirà molto, Io sarò con lui fino alla fine, per ricevere il suo sacrificio. I cattivi attenderanno diverse volte alla sua vita senza poter nuocere ai suoi giorni; ma né lui né il suo successore… vedranno il trionfo della Chiesa di Dio. I governanti avranno tutti un medesimo progetto, che sarà di abolire e fare scomparire tutti i princìpi religiosi per sostituirli con il materialismo, l’ateismo, lo spiritismo, e ogni sorta di vizi. Nell’anno 1865 si vedrà l’abominio nei luoghi santi; nei conventi i fiori della Chiesa saranno putrefatti e il demonio diventerà come il re dei cuori. Coloro che sono a capo delle comunità religiose si guardino dalle persone che esse devono ricevere, perché il demonio userà tutta la sua malizia per introdurre negli ordini religiosi delle persone dedite al peccato, perché i disordini e l’amore dei piaceri carnali saranno diffusi su tutta la terra.
    La Francia, l’Italia, la Spagna e l’Inghilterra saranno in guerra: il sangue scorrerà per le strade; il francese combatterà contro il francese, l’italiano contro l’italiano, vi sarà poi una guerra generale che sarà spaventevole. Per qualche tempo Dio non si ricorderà più della Francia né dell’Italia, perché il Vangelo di Gesù Cristo non è più conosciuto. I malvagi useranno tutta la loro astuzia; ci si ucciderà, ci si massacrerà reciprocamente perfino nelle case. Al primo colpo della Sua spada fulminante le montagne e la natura tutta tremeranno di spavento perché i disordini e i crimini degli uomini trafiggono la volta celeste. Parigi sarà bruciata e Marsiglia inghiottita; molte grandi città saranno scosse e inghiottite da terremoti; si crederà che tutto è perduto; non si vedranno che omicidi; non si sentiranno che colpi d’arma e bestemmie.
    I giusti soffriranno molto, le loro preghiere, la loro penitenza e le loro lacrime saliranno fino al Cielo e tutto il popolo di Dio chiederà perdono e misericordia e chiederà il Mio aiuto e la Mia intercessione. Allora Gesù Cristo con un atto della Sua misericordia grande per i giusti comanderà ai Suoi angeli che tutti i Suoi nemici siano messi a morte. Improvvisamente i persecutori della Chiesa di Gesù Cristo e tutti gli uomini dediti al peccato moriranno e la terra diventerà come un deserto. Allora si farà la pace, la riconciliazione di Dio con gli uomini; Gesù Cristo sarà servito, adorato e glorificato; dappertutto fiorirà la carità.
    I nuovi re saranno il braccio destro della Santa Chiesa, che sarà forte, umile, pia, povera, zelante e imitatrice delle virtù di Gesù Cristo. Il Vangelo sarà predicato dappertutto e gli uomini faranno grandi progressi nella fede perché vi sarà unità tra gli operai di Gesù Cristo e perché gli uomini vivranno nel timore di Dio. Questa pace tra gli uomini non sarà lunga: venticinque anni di abbondanti raccolti faranno loro dimenticare che i peccati degli uomini sono causa di tutte le pene che arrivano sulla terra.
    Un precursore dell’anticristo, con le sue truppe di parecchie nazioni, combatterà contro il vero Cristo, il solo Salvatore del mondo, egli spargerà molto sangue e vorrà annientare il culto di Dio per farsi guardare come un Dio. La terra sarà colpita da ogni sorta di piaghe, (oltre la peste e la carestia che saranno dovunque), vi saranno delle guerre fino all’ultima guerra, che sarà allora fatta da dieci re dell’anticristo, i quali re avranno tutti lo stesso progetto e saranno i soli a governare il mondo. Prima che ciò succeda vi sarà una specie di falsa pace nel mondo; non si penserà che a divertirsi; i malvagi si abbandoneranno a ogni sorta di peccato; ma i figli della Santa Chiesa, i figli della fede, i miei veri imitatori crederanno nell’amore di Dio e nelle virtù che mi sono più care. Felici le anime umili guidate dallo Spirito Santo! Io combatterò con esse fino a che esse saranno nella pienezza dell’età.
    La natura chiede vendetta per gli uomini ed essa freme di spavento nell’attesa di ciò che deve arrivare alla terra insudiciata dai crimini. Tremate terra e voi che fate professione di adorare Gesù Cristo e che dentro di voi adorate solo voi stessi; tremate perché Dio sta per consegnarvi al Suo nemico, perché i luoghi santi sono nella corruzione, molti conventi non sono più le case di Dio, ma i pascoli di Asmodeo e dei suoi. Sarà durante questo tempo che nascerà l’anticristo da una religiosa ebrea, da una falsa vergine che sarà in comunicazione con il vecchio serpente, il padrone dell’impurità; suo padre sarà Vescovo, nascendo vomiterà delle bestemmie, egli avrà dei denti, in una parola sarà il diavolo incarnato; egli lancerà delle grida spaventose, farà dei prodigi, non si nutrirà che di impurità. Egli avrà dei fratelli che, sebbene non siano dei demoni incarnati come lui, saranno dei figli del male; a dodici anni essi si faranno notare per le prodi vittorie che otterranno; presto essi saranno ognuno alla testa degli eserciti assistiti dalle legioni dell’inferno.
    Le stagioni saranno cambiate, la terra non produrrà che frutti cattivi, gli astri perderanno i loro movimenti regolari, la luna non rifletterà che una debole luce rossastra; l’acqua e il fuoco daranno al globo terrestre dei movimenti convulsi e degli orribili terremoti che inghiottiranno delle montagne, delle città. Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’anticristo. I demoni dell’aria con l’anticristo faranno dei grandi prodigi sulla terra e nell’aria e gli uomini si pervertiranno sempre più.
    Dio avrà cura dei suoi fedeli servitori e degli uomini di buona volontà; il Vangelo sarà predicato dappertutto, tutti i popoli e tutte le nazioni conosceranno la verità. Io rivolgo un appello urgente alla terra; Io chiamo i veri imitatori di Cristo fatto uomo, il solo e vero Salvatore degli uomini; Io chiamo i miei figli, i miei veri devoti, quelli che si sono dati a Me perché io li conduca dal Mio divin Figlio, quelli che Io porto, per così dire, nelle mie braccia, quelli che sono vissuti del Mio Spirito; infine Io chiamo gli Apostoli degli ultimi tempi, i discepoli di Gesù Cristo che sono vissuti nel disprezzo del mondo e di loro stessi, nella povertà e nell’umiltà, nel disprezzo e nel silenzio, nella preghiera e nella mortificazione, nella castità e nell’unione con Dio, nella sofferenza e sconosciuti al mondo. È tempo che escano e vengano ad illuminare la terra. Andate e mostratevi come i miei cari figli; Io sono con voi e in voi purché la vostra fede sia la luce che vi illumina in questi giorni di disgrazia. Che il vostro zelo vi renda come gli affamati per la gloria e l’onore di Gesù Cristo.
    Combattete, figli della luce, voi, piccolo numero che ci vedete, perché ecco il tempo dei tempi, la fine delle fini. La Chiesa sarà eclissata, il mondo sarà nella costernazione. Ma ecco Enoch ed Elia riempiti dello Spirito di Dio; essi predicheranno con la forza di Dio e gli uomini di buona volontà crederanno in Dio e molte anime saranno consolate; essi faranno grandi progressi per virtù dello Spirito Santo e condanneranno gli errori diabolici dell’anticristo. Sciagura agli abitanti della terra!
    Vi saranno guerre spaventose e carestie; pesti e malattie contagiose; pioverà una grandine spaventosa di animali; tuoni che scuoteranno le città; terremoti che inghiottiranno paesi; si udiranno delle voci nell’aria; gli uomini batteranno la testa contro i muri, essi chiameranno la morte, da un’altra parte la morte li supplizierà; il sangue scorrerà da ogni parte. Chi potrà vivere se Dio non diminuirà il tempo della prova ? Dal sangue, dalle lacrime e dalle preghiere dei giusti Dio si lascerà placare; Enoch ed Elia saranno messi a morte; Roma pagana sparirà; il fuoco del cielo cadrà e distruggerà tre città; tutto l’universo sarà colpito dal terrore e molti si lasceranno sedurre perché essi non hanno adorato il vero Cristo vivente tra loro. È tempo, il sole si oscura; la fede sola vivrà.
    Ecco il tempo, l’abisso si apre. Ecco il re delle tenebre. Ecco la bestia con i suoi sudditi, sedicente salvatore del mondo. Egli si alzerà con orgoglio nell’aria per andare fino al Cielo; egli sarà soffocato dal respiro di San Michele Arcangelo. Egli cadrà e la terra che da tre giorni sarà in continue evoluzioni, aprirà il suo seno pieno di fuoco; egli sarà sprofondato per sempre con tutti i suoi nei baratri eterni dell’inferno. Allora l’acqua e il fuoco purificheranno la terra e consumeranno tutte le opere dell’orgoglio degli uomini e tutto sarà rinnovato: Dio sarà servito e glorificato.
    [Libera traduzione da «L’apparition de la Très Sainte Vierge sur la montagne de La Salette», di M.Calvat. Imprimatur: Mgr. Zola, Lecce, Italie, 15 novembre 1879, Rome, 1922, Societé St-Augustin].

    ********
    ********

    Perché non si tiene conto degli inviti che la Vergine ci ha inviato in tante apparizioni come a Garabandal ed insieme al giusto desiderio di richiamare i fedeli ad una maggiore apertura nei confronti di chi è lontano dal Vangelo, non si annuncia più che la vita è prova e Gesù è venuto per liberare le anime dalla schiavitù del peccato
    Nei mezzi di “informazione” si annuncia che la Chiesa apre all’omosessualità…..le persone non approfondiscono le notizie e immaginano che ci sia un cambiamento della Chiesa su certi temi
    C’è uno scollamento tra gerarchie della Chiesa cattolici praticanti, l’importante è che questo scollamento non diventi scollamento tra Chiesa e Vangelo.
    Sembra che l’attenzione sia polarizzata solamente sui viaggi del Santo Padre che viene elogiato, a parole, negli aspetti che possono essere più facilmente strumentalizzati.
    Come se il Vangelo per essere annunciato avesse bisogno di ricevere l’approvazione dei potenti della terra, a cui però non fa seguito alcuna autocritica da parte degli stessi, anzi le leggi che vengono portate avanti vanno nel senso opposto, in un piano di corruzione di cui non si vede più la fine, come in Europa o negli Stati Uniti dove vengono approvate leggi che favoriscono aborto, eutanasia, leggi che riconoscono i matrimoni di persone dello stesso sesso, che annullano le legislazioni nazionali e che gli stati membri sono tenuti ad applicare in un disegno massonico di pervertimento generale, in cui vengono presentate iniziazioni sessuali precoci nei bambini e la masturbazione infantile come attività necessarie, anche in Europa.
    In uno degli stati della confederazione americana l’insegnamento della chiesa di satana ai bambini fa già parte del programma di studio che si insegna nelle scuole.
    E mentre si accoglie il Santo Padre negli Usa tra l’approvazione generale, contemporaneamente si portano avanti disegni di destabilizzazione del quadro mondiale, vedi medio oriente, finalizzati a spingere le popolazioni coinvolte, stremate, a richiedere ai sobillatori di queste rivolte di intervenire per riportare l’ordine finalizzato al Nuovo Ordine Mondiale
    Si dovrebbe rivolgersi alle gerarchie della Chiesa e chiedere di contrastare apertamente in nome del Vangelo questo piano, tutti i giorni, con la stessa determinazione ed insistenza con cui i mezzi di informazione portano avanti queste tesi ed invitare almeno i cattolici a farlo

    Il vangelo di san Giovanni ci invita a cercare la verità ovunque essa sia e a diffonderla

    Invito come credente i Pastori della Chiesa, che hanno la preoccupazione di non indicare al culto apparizioni soprannaturali non vere, a riflettere che i messaggi che la Madre di Gesù ci invia (come nelle apparizioni a Kibeio in Ruanda), sono un gesto di misericordia del cielo, che non va irriso, e di cui dovremmo rendere conto anche per le anime dei peccatori che avrebbero potuto salvarsi ed a cui erano in parte diretti e che ci invitano come nelle apparizioni della Madonna a Fatima a pregare per i peccatori che senza l’aiuto della nostra preghiera andrebbero perdute.
    Questo anche se ci fosse un rifiuto da parte loro
    Potremmo essere alla vigilia di una Hiroschima mondiale 40 volte superiore a quella del passato
    Abbiamo il dovere di informare senza preoccuparsi solamente di non essere strumentalizzati o del sensazionalismo che i mezzi di “ informazione” fanno su queste notizie
    E’ possibile che gli istituti religiosi siano pieni di statue della Madre di Gesù e che i messaggi della Vergine alla società attuale siano così ignorati?

    Mi permetto di consigliare ai Sig.ri cardinali un sito cattolico :
    Centro culturale San Giorgio che spiega molto bene, sotto le voci massoneria e mondialismo il piano della massoneria sul mondo e a quale grado di perversione stiamo arrivando e termino con un video che potrete visionare su youtube sui messaggi che la Madre di Gesù diede a Garabandal

    http://www.youtube.com/watch?v=rSu1rDvsAGo
    26,07 19-20 GIUGNO 1962 CHIESA PERSEGUITATA IN UN MONDO DOMINATO DAL COMUNISMO
    39,34 PROFEZIE SULLA FINE DEI TEMPI MA NON LA FINE DEL MONDO
    41,10 ESAME GRANDI EVENTI PROFETIZZATI A GARABANDAL
    41,16 L’AVVERTIMENTO SARA’ VISIBILE NEL CIELO E SENTITO INTERIORMENTE DA TUTTI SULLA TERRA, NESSUNO POTRA’ EVITARLO
    NON CAUSERA’ DANNO FISICO, SE QUALCUNO MORRA’ SARA’ SOLO A CAUSA DELLO SCHOC DI VEDERLO
    42,12 IL MIRACOLO AVVERRA’ PRESSO IL BOSCHETTO DEI NOVE PINI
    AVVERRA’ DI GIOVEDI’ ALLE ORE 20,30 DELLA SERA
    TRA IL GIORNO 8 E IL 16 COMPRESI
    DI UNO DEI SEGUENTI MESI MARZO APRILE O MAGGIO
    CONCITA CONOSCE LA DATA ESATTA E L’ANNUNCERA’ OTTO GIORNI PRIMA
    QUEL GIORNO SARA’ LA FESTA DI UN MARTIRE DELL’EUCARESTIA
    E COINCIDERA’CON UN GRANDE EVENTO ECCLESIASTICO NELLA CHIESA
    TUTTI COLORO CHE SARANNO PRESENTI NEL VILLAGGIO DI GARABANDAL E NELLE MONTAGNE VICINE LO VEDRANNO
    GLI INFERMI CHE SARANNO PRESENTI SARANNO GUARITI,
    I PECCATORI SARANNO CONVERTITI,
    E GLI INCREDULI CREDERANNO
    SARA’ IL PIU’ GRANDE MIRACOLO CHE GESU’ AVRA’ MAI FATTO PER IL MONDO
    A CAUSA DEL MIRACOLO LA RUSSIA SARA’ CONVERTITA
    DOPO IL MIRACOLO UN SEGNO PERMANENTE VISIBILE E SOPRANNATURALE RIMARRA’ PRESSO I PINI FINO ALLA FINE DEI TEMPI
    43,15 SE DOPO IL MIRACOLO MONDO NON CAMBIA ALLORA DIO CI MANDERA’ UN CASTIGO

    Ricordandola nella preghiera la saluto e le porgo i più sinceri auguri per la sua missione
    *
    **

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *