Home / Spiritualità / Mesi meditati / Ottobre / 30° giorno: Il Santo Rosario; legame fra Cielo e terra

30° giorno: Il Santo Rosario; legame fra Cielo e terra

C’è un pensiero delizioso di santa Teresina che ci spiega con semplicità come la corona del Santo Rosario sia un legame che unisce il Cielo alla terra. «Secondo una graziosa immagine – dice la Santa carmelitana –, il Rosario è una lunga catena che lega il cielo alla terra; una delle estremità è nelle nostre mani e l’altra in quelle della Santa Vergine».

Questa immagine ci fa ben capire che quando abbiamo la corona del Rosario fra le mani e la sgraniamo devotamente, con fede e con amore, siamo in rapporto diretto con la Madonna che fa scorrere anch’Ella i grani del Rosario avvalorando la nostra povera preghiera con la sua grazia materna e misericordiosa.

Ricordiamo che cosa avveniva, infatti, a Lourdes?

Quando l’Immacolata appariva a santa Bernardetta Soubirous avveniva che la piccola santa Bernardetta prendeva la corona del Rosario e iniziava la recita della preghiera: a quel punto, anche l’Immacolata, che aveva la splendida corona color d’oro fra le mani, iniziava a sgranare la corona, senza dire le parole dell’Ave Maria, pronunziando, invece, le parole del Gloria al Padre.

L’insegnamento luminoso è questo: quando prendiamo la corona del Rosario e iniziamo a pregare con fede e con amore, anche Lei, la divina Madre, sgrana la corona con noi, avvalorando la nostra povera preghiera, quasi sgranando grazie e benedizioni su chi recita devotamente il Santo Rosario. In quei minuti, quindi, noi ci troviamo realmente legati a Lei, poiché la corona del Rosario fa da legame fra Lei e noi, fra il Cielo e la terra.

Ogni volta che recitiamo il Santo Rosario sarebbe molto salutare ricordare ciò, cercando di ripensare a Lourdes e di tenere presente l’Immacolata che a Lourdes accompagnava la preghiera del Rosario dell’umile santa Bernardetta sgranando con lei la corona benedetta. Questo ricordo e l’immagine di santa Teresina possano aiutarci a recitare meglio il Santo Rosario, in compagnia della divina Madre, guardando Lei che guarda noi e ci accompagna nello sgranare la corona.

«INCENSO AI PIEDI DELL’ONNIPOTENTE»

Un’altra bella immagine che santa Teresina ci insegna, a proposito del Rosario, è quella dell’incenso: ogni volta che noi prendiamo la santa corona per pregare, «il Rosario – dice la Santa – sale come incenso ai piedi dell’Onnipotente.
Maria lo rinvia subito come benefica rugiada, che viene a rigenerare i cuori».

Se è antico l’insegnamento dei santi i quali affermano che la preghiera, ogni preghiera, è come incenso profumato che sale verso Dio, nei riguardi del Rosario santa Teresina completa e abbellisce questo insegnamento spiegando che il Rosario non soltanto fa salire come incenso la preghiera a Maria, ma fa anche ottenere «subito», dalla divina Madre, l’invio della «rugiada benefica», ossia la risposta in grazie e benedizioni che vengono «a rigenerare i cuori».

Possiamo ben capire, quindi, che la preghiera del Rosario sale verso l’alto con un’efficacia non comune, dovuta soprattutto alla partecipazione diretta dell’Immacolata, ossia a quella partecipazione che Ella mostrò anche esternamente a Lourdes accompagnando la preghiera del Rosario dell’umile Bernardetta Soubirous nello sgranare la santa corona.

Questo comportamento della Madonna a Lourdes fa comprendere che Ella è proprio la Mamma vicina ai figli, ed è la Mamma che prega con i suoi figli nella recita della santa corona. Non dovremmo mai dimenticare la scena dell’apparizione e della recita del Rosario dell’Immacolata con santa Bernardetta a Lourdes.

Da questo particolare così bello e significativo appare chiaro che il Santo Rosario si presenta davvero come la preghiera «prediletta» dalla Madonna, e perciò come la preghiera più feconda di altre preghiere per ottenere «subito» la grazia della «benefica rugiada» che «rigenera i cuori» dei figli quando piamente sgranano la santa corona, riponendo ogni speranza in Lei, nel Cuore della Regina del Santo Rosario.

Si può capire anche, di conseguenza, che la preghiera «prediletta» dalla Madonna non può non essere la preghiera più cara e più potente presso il Cuore di Dio, per cui Ella ottiene ciò che altre preghiere non possono ottenere, piegando con facilità il Cuore di Dio alle richieste che Ella rivolge in favore dei devoti del Santo Rosario.

È per questo che ancora santa Teresina, con il suo magistero di umile e grande Dottore della Chiesa, insegna affermando con semplicità e sicurezza che «non c’è preghiera che sia più gradita a Dio del Rosario», e il beato Bartolo Longo conferma ciò quando dice che il Rosario, infatti, è la «catena dolce che ci rannoda a Dio».

PREGHIERA CONSIGLIATA: Santo Rosario della Beata Vergine Maria

FONTE: Ottobre, Il mese del Rosario, P.Stefano M. Manelli, settembre 2010, © Casa Mariana Editrice.

(La traduzione, l’adattamento totale o parziale, la riproduzione con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm, i film, le fotocopie) nonché la memorizzazione elettronica, sono riservati per tutti i paesi.)

Guarda anche...

stellamatutina-supplica-madonna-pompei

27° giorno: Il Santo Rosario; la scala delle grazie

Nel primo libro della Sacra Scrittura, il Genesi, leggiamo l’episodio della visione che ebbe una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stellamatutina.eu – Sito di cultura cattolica in piena e totale obbedienza al Magistero Petrino. è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache