La brocca

«Non abbandonate mai il vostro rampollo: è un essere umano che va trattato come gli altri. Quella che a voi sembra una brocca, può contenere una regina!». 

Nel grande regno del Burundi, il signore e la signora Mocambi, pur essendo ricchi e rispettati, non avevano figli. Immaginatevi la gioia di tutti, quando la signora Mocambi si accorse di aspettare un bambino. Ma il giorno della nascita del bambino fu un giorno tristissimo, che lasciò tutti esterrefatti. Perché invece del bambino tanto atteso nacque una brocca. Avete capito bene: proprio una brocca, uno di quei vasi di terracotta che hanno la forma di una donnina e che servono per contenere l’acqua. Che fare?

Abbandonarono la casa, lasciandovi dentro quel mostro indesiderato. Ma la brocca, poverina, li seguiva rotolon rotoloni e gridava: «Papà e mamma della brocca, aspettate la vostra figlia brocca!».

Ma più gridava, più gli altri avevano paura e scappavano correndo a perdifiato. La brocca rotolava e piangeva. Finalmente il vento ne ebbe pietà e, . intenerito, la sollevò in aria e la portò nel cuore della foresta su un soffice tappeto di erba e foglie.

La famiglia Mocambi tirò un sospiro di sollievo e, sentendosi liberata per sempre da quell’incubo, chiese ospitalità al potente principe della regione.

Un po’ di anni dopo, proprio il principe, che era ormai diventato re, cavalcava nella foresta. Arrivato nella bella radura scese da cavallo per schiacciare un pisolino sull’erba soffice e scorse tra i cespugli la brocca abbandonata.

«Com’ è bella! », esclamò. La prese in braccio e la portò nel suo palazzo d’avorio e diamanti. Dovete sapere che il palazzo del re era molto bello, ma anche sporco e impolverato. Si sentiva la mancanza di una regina che badasse alla casa. Ma dal momento in cui la brocca entrò nel palazzo tutto cambiò.

I servi cominciarono a trovare tutto spazzato, spolverato e riordinato. E non riuscivano a capire come succedesse, anche se ne erano ben contenti.

Anche il re quando si trovò a sedere su un trono tutto lucidato e splendente, si incuriosì. Una notte, invece di andare a dormire, si mise dietro una porta e cominciò a spiare la brocca.

A mezzanotte in punto, dalla brocca sbucò una bellissima fanciulla che si mise subito a spolverare e pulire i mobili. Fu un colpo di fulmine. Il re si innamorò pazzamente della bella e giudiziosa fanciulla.

La prese per mano e le disse: «Esci immediatamente dal regno dei morti ed entra in quello dei vivi». Poi la fece sedere sul trono accanto a sé perché diventasse la sua sposa.

Fu organizzata una festa come non si era mai vista da quelle parti. Tutti i sudditi dovevano venire a rendere omaggio alla nuova bellissima regina del Burundi.

F li così che arrivò anche la famiglia Mocambi. Quando la regina li vide arrivare tornò a nascondersi nella brocca e gridò: «Papà e mamma della brocca, aspettate la vostra figlia brocca». I Mocambi rimasero a bocca aperta, ma poi la regina uscì dalla brocca e li abbracciò. Aumentando la confusione del signore e della signora Mocambi che in un colpo solo scoprivano di avere una figlia e di essere suoceri del re.

Poi la regina seria seria soggiunse: «Non abbandonate mai il vostro rampollo: è un essere umano che va trattato come gli altri. Quella che a voi sembra una brocca, può contenere una regina!».

FONTE: Il Bollettino Salesiano, 06.2014

Guarda anche...

Il bicchiere di latte

«Chi darà anche solo un bicchiere d’acqua fresca, a uno di questi piccoli perché è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stellamatutina.eu – Sito di cultura cattolica in piena e totale obbedienza al Magistero Petrino. è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache