Home / Spiritualità / Commento al Vangelo domenicale / Commento al Vangelo della XVII Domenica TO 2015

Commento al Vangelo della XVII Domenica TO 2015

La moltiplicazione dei pani

Gesù Cristo, insieme con i suoi discepoli, andò alla riva opposta del mare di Galilea, cioè del lago di Genesaret, chiamato pure di Tiberiade da una città famosa per il commercio fatta edificare da Erode Antipa sulla riva occidentale del lago, e chiamata da lui Tiberiade in onore dell’imperatore romano Tiberio. L’evangelista omette di raccontare una quantità di fatti ricordati dai Sinottici, per unire il grandioso discorso di Gesù, vero Dio, che dona la vita, ai miracoli e al discorso che dovevano mostrare come voleva dare la vita.

Dal discorso sulla sua divinità a questo passò circa un anno ma, nel disegno dell’amore di Gesù, un anno non era sufficiente a disgiungere le due grandi manifestazioni di luce, ed Egli, del resto, non mancava di ricordare e ripetere, in ogni occasione, quello che aveva detto, per radicare nel cuore dei suoi uditori le verità fondamentali che dovevano dare o accrescere la loro fede. San Giovanni avvicina i due discorsi precisamente per il nesso divinamente logico che hanno.

Il Redentore, dunque, si ritirò all’altra riva del lago – come dice san Marco (6,31) –, per far riposare un po’ i suoi discepoli ma, vistosi seguito da una gran turba per i miracoli che aveva fatti, si appartò sul monte che sorgeva in quei pressi. L’affollamento era grande, perché si avvicinava la Pasqua, e i pellegrini erano in movimento per andare a Gerusalemme; qualcuno notò che Gesù si era appartato, diede la notizia agli altri, e ben presto la moltitudine lo raggiunse sulla spianata del monte. Con ogni probabilità, Gesù Cristo ripeté al popolo le grandi parole che si riferivano alla sua divinità, e il popolo pendeva dalle sue labbra, senza curarsi della necessità che aveva di procurarsi del cibo e rifocillarsi.

Declinava il giorno, e gli apostoli – come nota san Matteo (14,15) –, furono essi per primi solleciti di dire al Signore che era necessario licenziare le turbe prima che annottasse, affinché avessero potuto comprare qualcosa da mangiare. Al loro richiamo, Gesù levò gli occhi e, vedendo quella grande moltitudine, disse a Filippo: Dove compreremo i pani per dar da mangiare a questa gente? Egli sapeva bene quel che voleva fare, ma parlò così a Filippo per provarne la fede, e per far meglio rimarcare al popolo circostante il miracolo che voleva compiere. Filippo rispose che, anche a spendere tutto il peculio che avevano valutato, duecento denari, cioè circa 156 lire non bastava a dare a ciascuno un piccolo pezzo di pane. Egli voleva così persuadere Gesù che era urgente rimandare la turba.

Andrea, però, cui balenò la possibilità di un miracolo da parte di Gesù, soggiunse: C’è qui un ragazzo che ha due pani d’orzo e due pesci, ma cos’è mai questo per tanta gente? Evidentemente gli apostoli stessi non avevano alcuna provvista, avendola forse consumata sulla barca traghettando il lago. Gesù rispose al barlume di fede che aveva Andrea, e ordinò che avessero fatto sedere a gruppi la gente sull’erba che era molto folta in quel luogo. Gesù Cristo volle così evitare la confusione nella distribuzione del cibo e, avendo intenzione di darne in abbondanza, volle che la gente fosse stata comodamente riposata, e avesse mangiato senza preoccuparsi della stanchezza che doveva essere grande. Sedendosi a gruppi di cinquanta e di cento – come dice san Marco (6,40) –, fu possibile farne il computo: erano complessivamente cinquemila uomini, senza contare le donne e i ragazzi, come nota san Matteo (14,21).

I pani di farina d’orzo erano il cibo dei poveri, e i due pesci erano fritti, come indica l’espressione del testo greco. Gesù li prese nelle mani e tutti gli occhi si fermarono su di Lui. Pregò, ringraziò Dio, e cominciò a fare la distribuzione per mezzo degli apostoli.

Che cosa disse nel rendere grazie?

Si rivolse al Padre, e le sue mani onnipotenti furono più feconde della terra che riceve la semente e la moltiplica; il pane nelle sue mani cresceva, ed Egli lo spezzava e lo dava; lo stesso fece per i due pesci, contemporaneamente al pane, di modo che ciascuno ebbe il pane e il companatico in abbondanza e poté saziarsi.

Finito di desinare, Gesù fece raccogliere gli avanzi perché non fossero andati sciupati, potendosi dare ai poveri, e per far meglio constatare il miracolo. Gli apostoli raccolsero così dodici canestri di pane avanzato. Di pesci non raccolsero nulla perché il companatico si mangia più volentieri del pane.

Don Dolindo Ruotolo; Gv 6,1-15

Guarda anche...

stellamatutina-dolindo-ruotolo

Commento al Vangelo – Natale del Signore 2015 C

Messa della notte Il momento della nascita di Gesù Cristo Era stato predetto dai profeti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *