Home / La Bestemmia / Vari tipi di bestemmia

Vari tipi di bestemmia

stellamatutina-la-bestemmia-urlo-infernale  La più grave forma di bestemmia è quella che unisce al Nome santo di Dio (o di Gesù o dell’Ostia Santa o del SS.mo Sacramento) parole cariche di disprezzo. Non è il caso di fare esempi, anche perché purtroppo ne abbiamo fatto più volte amara esperienza sentendoalcune di queste mostruosità sulla bocca di qualche persona.

  E’ bestemmia anche dire contro Dio parole che non portano il marchio del disprezzo, ma che comunque il Signore non merita. Quante volte mi è capitato di sentire qualcuno che nel momento del dolore manifesta la sua delusione o la sua rabbia dicendo: “Dio è crudele” , o “Dio e ingiusto“! Espressioni come queste, o altre simili, che negano delle verità di fede riguardo a Dio, sono dette bestemmie eretiche.

  E quante volte capita di sentire il nome “Cristo” senza alcun titolo, ma pronunciato con una tale carica di rabbia che, per la violenza del tono, rasenta la bestemmia!

  Vera e propria bestemmia è anche l’offesa che colpisce i Santi, e in particolare la Madonna, o persone (ad es.: il Papa) che per la loro sacralità sono un riflesso di Dio nel mondo. Pur non essendo Dio il bersaglio diretto, colpendo la santità o la sacralità si colpisce Dio. che è fonte tanto dell’una quanto dell’altra.

  Giovanni Paolo II, parlando del disprezzo rivolto contro il Nome di Dio, elenca, dopo la bestemmia, gli “spettacoli dissacranti” e le “pupblicazioni altamente offensive del sentimento religioso” (21 marzo 1993). Potremmo definirle bestemmie a mezzo stampa, bestemmie cinematografiche, bestemmie teatrali. Basti qui citare il “gran maestro” della dissacrazione, DarioFo che, nel suo “Mistero buffo”, ha deriso Gesù, la Madonna e altri personaggi del Vangelo.

  Queste bestemmie, a differenza della bestemmia comunemente intesa, che può avere l’attenuante di sfuggire in un attimo, in un lampo, quasi senza accorgersene, sono bestemmie ragionate, meditate, volute, infiocchettate col fascino dell’arte e quindi con un potere devastante per il linguaggio suggestivo con qui sono confezionate e per l’altissimo numero di lettori o di spettatori che raggiungono.

  Non si può parlare invece di bestemmia quando il Nome di Dio viene nominato invano, senza un serio e ragionevole motivo, ma anche senza alcun titolo offensivo. Ma di questo parleremo più avanti.

  Non è raro, infine, sentire qualcuno che pronuncia il nome “zio“, o qualcosa di simile, e subito vi aggiunge una parolaccia come quelle che altri ambiano al Nome di Dio.
L’espressione che ne risulta non è una bestemmia, ma è molto facile che come tale venga avvertita da chi la sente.
Perciò, anche se non c’è la bestemmia, può esserci lo scandalo.
In ogni caso, chi parla in questo modo, oltre ad essere ambiguo e ipocrita (una ipocrisia alla rovescia!), perché vuol apparire bestemmiatore senza esserlo, contribuisce a diffondere un tipo di linguaggio che favorisce l’espandersi della bestemmia.

FONTE: © ENZO BONINSEGNA, La bestemmia: Urlo infernale, 1993
Print Friendly, PDF & Email

Guarda anche...

stellamatutina-la-bestemmia-urlo-infernale

Spinte provenienti dal di dentro

La superbia – Ne siano consapevoli o no, molti bestemmiatori arrivano alla bestemmia perché spinti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!